Il ritorno di Ulisse

ilritornodiulissejpg

Maurizio ha organizzato un’iniziativa per darmi l’opportunità di raccontare il mio viaggio alle Colonne d’Ercole. Ne è nata una piacevole e allegra serata, decisamente in linea con lo spirito della mia piccola avventura. Prima della narrazione vera e propria mi è sembrato giusto partire proprio dal prologo. Per chi non c’era, eccolo qui:

“Quanto tempo?”

“Un mese”

“Un mese? Un mese intero?”

“Sì, esatto, proprio un mese”

Esco dalla stanza un po’ spaesato. Mi ritrovo in tasca un bene preziosissimo, il tempo, il mio tempo. Me ne ritrovo decisamente tanto (“un mese”, continuo a ripetermi incredulo). Tipo come vincere alla lotteria. Esci dalla ricevitoria e ti ritrovi con un bel po’ di soldi, con la differenza che i soldi puoi anche non spenderli e metterli da parte, il tempo no. Puoi solo decidere “come” spenderlo. Ma, appunto, come? mica è facile. Potrei semplicemente non andare al lavoro e trascorrere un placido mese da pensionato. Il caffè al bar, il giornale, una passeggiata, quattro chiacchiere. Certo, potrei dedicarmi alle tante mansioni domestiche che mi vedono così tristemente inadeguato. Lampadine fulminate da mesi, quadri in attesa di essere appesi, guarnizioni dei rubinetti da sostituire. Ho un arretrato biblico di “cose da uomini” da fare. Mi sa che i miei convincimenti sulla parità di genere nascano biecamente proprio dalla mia inidoneità a svolgere il ruolo tradizionale di maschio: trapano, martello, birra, partite in tv. Senza divagare, ho la netta sensazione che quel mese potrei spenderlo meglio e così inizio a frugare alla sua ricerca. Devo aprire un bel po’ di cassetti, ma alla fine lo trovo, è lui, il mio “sogno nel cassetto” (che a chiamarlo, che so, il “sogno nel cassetto in alto a destra” ci si metterebbe meno a trovarlo, ma forse era meno poetico). Il sogno è quello di un viaggio, un viaggio vero in bici. Uno di quei viaggi che abbiano un senso non solo geografico, ma anche interiore. Un viaggio che abbia anche un significato e, se possibile, più di uno.

Intanto bisogna scegliere il dove, il traguardo, l’obiettivo. Non è stato difficile, ho scelto il limite. Ho scelto di arrivare là dove non si può andare oltre (nec plus ultra). Quel limite in un lontano passato era stato posto allo stretto di Gibilterra, dove la mitologia sembrava aver collocato le Colonne d’Ercole. Quel limite fisico sarà anche la metafora di un percorso che, se non avessi sufficiente senso del ridicolo, definirei spirituale; quando, in fondo, si tratterà di pensieri che confusamente si affacceranno ad un cervello in debito di ossigeno mentre attraverserò i territori di sei stati diversi. Sarà un viaggio solitario, ma non sarà un viaggio in solitudine. A parte un filo diretto con chi avrà voglia di rimanere in contatto con me, mi terranno compagnia le associazioni e le realtà di cui condivido spirito e finalità. Metterò il loro logo nella mia maglia e in un blog che ho creato per l’occasione e nel quale cercherò di parlare del loro impegno e delle loro battaglie…

ilritornodiulissejpg2

Annunci

2 pensieri su “Il ritorno di Ulisse

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...