Prossime presentazioni

Ecco i prossimi appuntamenti con “Alle Colonne d’Ercole”

Annunci

18 agosto 2017, Garrufo di Sant’Omero

Non poteva mancare una presentazione a Garrufo di Sant’Omero, il piccolo abitato abruzzese dove l’autore del diario di viaggio e la sua bici (la stessa usata per il viaggio alle Colonne d’Ercole) hanno avuto un’importante esperienza “formativa” (a chi abbia voglia di approfondire si consiglia la lettura di questo racconto breve). La presentazione è stata uno straordinario momento in cui si sono mescolati episodi del viaggio e racconti delle pedalate fatte con il gruppo degli amici garrufesi che hanno fatto sbocciare definitivamente la passione per la bicicletta di Tullio Berlenghi. Attilio e Gabriele hanno condotto magistralmente la serata, con la presenza di Andrea Luzii, giovane sindaco di Sant’Omero. Il pubblico presente ha seguito con grande partecipazione, interagendo con l’autore e i coordinatori, dando vita ad una serata indimenticabile, culminata con il divertente conferimento (da parte di Emilio, un punto di riferimento della cittadina) a Tullio Berlenghi della “cittadinanza onoraria” a Garrufo.

14 agosto 2017, Pallagorio – “Libri in arco”

Nel diario di viaggio la parola Pallagorio c’è. Il piccolo comune calabrese di lingua  arbëreshë è citato da Eleonora quando spiega cosa sono le pedalate “coast to coast”. Pallagorio è stata infatti arrivo di tappa della terza pedalata, durante la quale abbiamo attraversato la Calabria dal Tirreno allo Ionio, da Paola a Cirò Marina, passando per la Sila. Tornare senza bici a Pallagorio a raccontare il mio viaggio era quasi d’obbligo, considerata anche la straordinaria accoglienza riservata al gruppo dei pedalatori. Anche questa volta il soggiorno a Pallagorio è stato impeccabile e la chiacchierata sul libro in compagnia di Leopoldo Medea, Ciccio Mazza e Maurizio Spezzano è stata piacevole, con un pubblico attento e partecipe.  Ecco qualche foto della presentazione. Prossimo appuntamento venerdì 18 agosto alle ore 20, al Bar Fantasy a Garrufo di Sant’Omero.